Non hai ancora un account registrati adesso
Email for contact
Catalogo virtuale 2016Listino Hager sicurezza 2017  Depliant Hager sicurezza  Depliant logisty.comfort  Depliant Protezione Esterna logisty  
 

Detrazione del 36% anche per gli

impianti di allarme

Grazie alla legge Finanziaria 2008 è stato ancora una volta prorogato fino al 31 dicembre 2010 il termine per fruire della detrazione d'imposta per una quota pari al 36 per cento delle spese sostenute per i lavori di recupero del patrimonio edilizio, fino al limite massimo di spesa di 48.000 euro, da suddividere in dieci anni.

La sicurezza è sempre più una necessità del singolo cittadino ed è per questo che lo Stato ha permesso al contribuente di poter detrarre dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), oltre agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, anche le spese relative all’installazione di un piccolo impianto di allarme, di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti, di rivelatori di fumo e sonde tecniche, per quel che concerne l’interno degli immobili, mentre per l’esterno, l’installazione o la sostituzione di citofoni.

Per fruire della detrazione Irpef sulle spese sostenute per l’installazione di impianti di allarme, i contribuenti dovranno seguire due semplici procedure. In primo luogo è necessario che le spese detraibili siano pagate tramite bonifico bancario o postale da cui risultino la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto pagante e il codice fiscale o partita Iva di chi effettua il lavoro. In secondo luogo, prima di procedere all’installazione, occorre inviare, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, l’apposito modulo reperibile presso gli uffici locali o nel sito internet dell'Agenzia delle Entrate, contenente la comunicazione di inizio lavori.

Scarica qui il modulo dell'Agenzia delle Entrate